News

Volo Cancellato o Aereo in ritardo, cosa fare per non perdere i tuoi diritti

News

Rimborso Ritardo Aereo Airport chair indoors

Attualmente il passeggero aeroportuale vittima di un disagio aereo è tutelato dal Regolamento Europeo EU261/2014 e dalla convenzione internazionale di Montreal del 1999.

Vai subito alla shortlist Cosa Fare in Caso di Ritardo Aereo.

Sono queste le due normative principali del sistema di tutela dei diritti del passeggero posto alla base del funzionamento del servizio www.rimborso-ritardo-aereo.it. Un metodo informatizzato, automatizzato e funzionante per fare ottenere ai propri clienti, in tempi rapidi, l’indennizzo che gli spetta a causa dei disagi subiti in occasione di cancellazione, ritardo e negato imbarco di voli aerei da parte delle compagnie aeree.

Il malumore dei passeggeri che si trovano di fronte a un disagio così fastidioso come può essere quello determinato da un ritardo del volo prolungato, e ingiustificato,  o dalla cancellazione della partenza di un aereo, ha da subito colpito il nostro interesse.  Da qui è partito immediatamente uno studio approfondito delle dinamiche delle leggi dell’unione europea e degli accordi internazionali posti alla base della tutela dei passeggeri che ogni giorno affollano gli aeroporti e “puntualmente” (perdonate l’ironia!) vengono posti di fronte a stravolgimenti totali della loro vacanza e ad un incomprensibile aumento delle spese previste per la sistemazione in albergo a causa della necessità di rimanere nelle città dove era prevista la partenza in seguito alla cancellazione di una tratta aerea. Anche imbarcandosi su un volo alternativo e raggiungendo la destinazione finale, spesso il loro viaggio ha subito un ritardo che ha comportato una perdita di tempo ormai irreversibile e in ogni caso hanno diritto al risarcimento per il disagio sofferto.

Per tutto quanto ciò che concerne la questione della richiesta di risarcimento del danno causato dal trasporto aereo la normativa internazionale è regolata dalla Convenzione di Montréal del 1999 che è stata sottoscritta dalla Comunità Europea il 9 Dicembre del 1999 ed è stata approvata con la  decisione del Consiglio 05.04.2011 2001/539/CE. In particolare per quanto riguarda la responsabilità in caso di danno causato dal vettore aereo gli articoli di riferimento sono quelli che vanno dal 17 al 37 della Convenzione di Montréal e trattano appunto di “Responsabilità del vettore ed entità del risarcimento per danni“.

In caso di ritardo prolungato l’art. 19 della Convenzione stabilisce che “il vettore è responsabile del danno derivante da ritardo nel trasporto aereo di passeggeri, bagagli o merci”.

In ambito europeo, in aggiunta alla convenzione di Montreal appena menzionata, vige il Regolamento Europeo n. 261 del 2014.

La normativa europea ha determinato la costituzione di una vera e propria “Carta dei diritti del passeggero“, ed è divenuta direttamente applicabile all’interno degli Stati appartenenti alla Comunità Europea ed facilmente consultabile sul sito internet dell’ENAC. Il Regolamento europeo 261/2014 disciplina tutti i voli con partenza da un aeroporto comunitario o da un aeroporto che si trova in un Paese non facente parte della comunità europea, con destinazione un aeroporto di un Paese della comunità europea.

Il Regolamento si occupa della tutela dei passeggeri nei casi di ritardo prolungato, cancellazione e negato imbarco dei voli causati dalla compagnia aerea di riferimento. Prevede obblighi di informazione, assistenza (ai passeggeri vittima dei disagi deve essere garantita la fornitura di pasti e bevande) , riprotezione su altri voli, rimborso del biglietto e compensazione pecuniaria da parte della compagnia aerea responsabile del disagio sofferto.

In particolare, ai passeggeri aeroportuali vittime di ritardo aereo, cancellazione e negato imbarco il Regolamento europeo 261/2014 garantisce un risarcimento da parte della compagnia aerea per il danno sofferto.

Il risarcimento è così determinato:

a) 250 EURO per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;

b) 400 EURO per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri;

c) 600 EURO per le tratte aeree che non rientrano nelle lettere a) o b) (tratte superiori ai 3500 chilometri).

Ciò a meno che il ritardo o la cancellazione non siano stati causati da circostanze eccezionali indipendenti dalla volontà della compagnia aerea.

Alla base del lavoro svolto da Avv. Piero Campa, insieme al team di avvocati che collabora per il servizio www.rimborso-ritardo-aereo.it, c’è la volontà di far ottenere in tempi brevi ai propri clienti il ristoro per il danno subito. Ciò attraverso un risarcimento pecuniario per il disagio arrecato dalla compagnia aerea responsabile del ritardo prolungato, cancellazione e negato imbarco del volo.

Ecco dunque una shortlist delle cose da fare e da non fare se pensi di aver subito un torto dalla Compagnia Aerea:

  • Non perdere la pazienza con il personale di bordo: sii cortese sempre, il personale della Compagnia molto spesso è vittima dei ritardi almeno quanto i viaggiatori. Essi infatti spesso vengono pagati solo per le ore effettive di volo;
  • Non perdere la carta di imbarco e tutti i documenti di viaggio: è importante per poter inviare un reclamo completo ed esaustivo, non perdere i documenti che attestano la titolarità del tuo diritto a viaggiare;
  • Conserva gli scontrini e le fatture: sono indispensabili se si vuole richiedere il rimborso delle spese effettuate nel periodo in cui hai subito il disagio, ma non è garantito il loro rimborso poichè le Compagnie includono tali spese nella somma offerta a titolo di Compensazione Pecuniaria;
  • Chiedi un telefono, cibo, acqua e un posto dove dormire se ne hai bisogno: rientra nei tuoi diritti e la Compagnia Aerea te li deve garantire;
  • Effettua un reclamo tramite un servizio basato su Pratica Legale. E’ possibile infatti inviare il reclamo tramite servizi automatici, ma ti consigliamo di rivolgerti a servizi che hanno di base uno studio tecnico legale specializzato su questo tipo di controversie, come www.rimborso-ritardo-aereo.it. Le Compagnie (non è una regola!)solitamente sono più veloci a rispondere ad una lettera da parte di uno studio legale che ad un intermediario non qualificato o all’utente stesso.
  • Non inviare richieste a destra e a manca. Scegli un operatore con cui affrontare la pratica ed evita di essere ridondate. Molte compagnie, come Ryanair, se sollecitate su più fronti tendono ad aumentare i tempi di risposta.

Ogni giorno il team legale di www.rimborso-ritardo-aereo.it lavora per risolvere i casi di centinaia di malcapitati vittime di disagi aerei in tutta Italia e anche in Europa. Nella maggior parte dei casi, portato positivamente a termine grazie alla professionalità e all’impegno delle persone che collaborano per l’ottenimento dei risultati del team.

L’obiettivo è quello di far ottenere ai nostri clienti il risarcimento che gli spetta di diritto e lavoriamo costantemente per raggiungere il miglior risultato nel più breve tempo possibile.

Avvia subito la Pratica

È gratis, paghi solo se ottieni i soldi della compagnia nella misura del 20% del rimborso ottenuto

Con il nostro BOT automatico puoi verificare GRATUITAMENTE se hai diritto al Risarcimento e avviare la pratica con il nostro studio legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *